Festeggiamo Restart

Giusto un anno fa, eravamo tutti a Subiaco per raccontare la nascita di Restart, il primo progetto di agricoltura sociale di Bambini più Diritti. Oggi quell’avventura è ormai una realtà consolidata, che ha già portato alla formalizzazione del primo contratto di apprendistato, a favore di uno dei ragazzi beneficiari del progetto, e che rende concreto e visibile l’impegno che stiamo mettendo nel costruire un percorso di reale integrazione.

Ci piacerebbe festeggiare con tutti i nostri amici e sostenitori questi traguardi, e continuare la riflessione, iniziata mesi fa, sull’agricoltura sociale e sull’inserimento lavorativo dei giovani in condizioni di disagio. Vogliamo continuare a guardare al futuro, per far crescere sempre di più il progetto.

Sabato 11 Novembre 2017
ore 11,00

Fattoria Parco degli Aceri – Contrada Iegli snc (Subiaco)

Il racconto del lavoro fatto sarà affidato ad una piccola mostra fotografica e testuale, allestita negli spazi della Fattoria, e al confronto con il team del progetto. Le idee e le riflessioni sull’agricoltura sociale, invece, saranno lasciate agli ospiti istituzionali della giornata, tra cui i rappresentati di UniCredti Banca e UniCredit Foudation, che hanno sostenuto l’avvio di Restart.

Al termine della giornata, ovviamente, non mancherà un momento conviviale: un bel pranzo all’aria aperta offerto da Bambini più Diritti!

Vi aspettiamo!

+++ Aggiornamento +++

L’evento è stato un successo! Tanti partecipanti e tanta voglia di guardare insieme al futuro di un progetto che sta avendo ricadute positive sui ragazzi che vi partecipano ma anche sul territorio di Subiaco.

Durante la giornata abbiamo avuto il piacere di ospitare il Sindaco di Subiaco, Francesco Pelliccia, e la consigliera della Regione Lazio, Marta Bonafoni, che hanno condiviso con noi alcune importanti riflessioni sul ruolo e l’importanza dell’agricoltura sociale.

Per rivivere la bellezza dell’evento date un’occhiata a queste foto!

Restart - Evento agricoltura socialeRestart - Evento agricoltura sociale

 

 

Comment

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*
*