Giovani 2G, un aiuto agli imprenditori stranieri under 30

Giovani 2G è un’iniziativa del Ministero del Lavoro che punta a favorire la nascita di nuove imprese guidate da giovani immigrati. Un fondo per start up destinato a stranieri under 30 residenti in Lazio , Campania e Sicilia; con la convinzione che una reale integrazione passa anche per un’occupazione soddisfacente.

Il lavoro come strada di integrazione

Istruzione e lavoro sono i due elementi che, più di ogni altra cosa, permettono ad un giovane immigrati di fare dell’Italia la sua nuova casa. Trovare un’occupazione soddisfacente, però, non è affatto facile. Non lo è per i ragazzi italiani, a causa della crisi economica, lo è ancor meno per i giovani immigrati, spesso poco inseriti nel contesto sociale in cui vivono e altrettanto spesso guardati con superficiale diffidenza. Per questo, il Ministero del Lavoro – Direzione generale dell’Immigrazione e delle Politiche d’Integrazione, ha ideato Giovani 2G, un progetto che ha come mission proprio quella di favorire l’imprenditorialità e l’autoimpiego degli under 30 stranieri che risiedono nel nostro paese. L’obiettivo è quello di riuscire a sostenere fino a 160 start up, con un finanziamento di massimo 10.000 euro ciascuna.

Con Giovani 2G però, il Ministero non si limiterà solo ad erogare denaro a fondo perduto, ma metterà a disposizione degli aspiranti imprenditori un vero e proprio servizio di conculenza e di accompagnamento nel percorso di apertura dell’attività. Un team di esperti, infatti, affiancherà i partecipanti, aiutandoli sia nelle fasi di scrittura e presentazione dei progetti sia, in caso di vittoria, in quelle di gestione e rendicontazione. A tal fine, saranno organizzati seminari, workshop ed incontri individuali.

Giovani 2G, i requisiti per partecipare

Il bando Giovani 2G è aperto a ragazzi e ragazze fino ai 30 anni di età, provenienti da paesi non europei, titolari di un regolare permesso di soggiorno che consenta lo svolgimento di lavoro autonomo o che abbiano acquisito la cittadinanza italiana successivamente alla nascita. I richiedenti, inoltre, devono essere residenti in Sicilia, Campania o Lazio. Per ora infatti il progetto è limitato a queste tre regioni.

Per presentare la propria candidatura c’è tempo fino al 29 febbraio 2016. Magiori informazioni possono essere facilmente reperite sul sito dedicato: www.giovani2g.it.

Comment

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.